matrigna_principessa_con_la_valigia

Che tipo di Matrigna Voglio Essere? I Pensieri di Lucia

Una piccola introduzione

Ho conosciuto Lucia qualche mese fa attraverso il Club delle Matrigne, il meraviglioso salottino da tè dove ogni Matrigna stanca può rilassarsi smangiucchiando pandoro (onnipresente in ogni periodo dell’anno) e biscottini al cioccolato. Un piccolo angolo segreto creato da Rossella Calabrò (Matrigna ad honorem) e gestito oggi, in veste virtuale, da Alice Maggini.

Lucia è giovanissima ma di una sensibilità rara. Si sente fragile a volte, eppure sa tirare fuori le unghie ed il coraggio per qualcosa in cui crede fermamente.

Questi sono i suoi pensieri che ha deciso di regalare anche alla Principessa Con La Valigia.

Piccola Legenda per le Non-Matrigne:

Astrino: figliastrino

Che Tipo di Matrigna Voglio Essere? I Pensieri di Lucia

matrigna_principessa_con_la_valigia

Mi sono presa una settimana per me stessa, per riflettere sul mio ruolo di Matrigna, Amica e Compagna. 
In questa settimana ho buttato giù i miei obiettivi da Matrigna, o meglio da “Compagna di Avventure”. Sì, perché sono la Matrigna di Astrino e lo amo follemente come lui ama me. Sono la sua compagna di giochi, la sua educatrice extra, la sua “Tata Icia” e questo ruolo mi sta bene, mi piace.
Sono quella che lo porta all’acquario, alle mostre per bambini, quella che ci tiene alla cultura nel suo piccolo mondo.
Sono quella che lo coccola quando ha bisogno di stare in braccio e allunga quelle piccole braccia verso di me e sono quella che lo sgrida quando qualcosa non va.
Non sono la sua mamma, non è un ruolo che mi compete.
Partecipo attivamente alle scelte sulla sua vita, alla sua educazione, ai suoi bisogni.
Non sono un “in più”, né un estranea, né una figura di passaggio… sono la sua Matrigna e voglio Matrignare come è stato fatto dalla mia adorata Matrigna (che tutt’oggi mi chiama per chiedermi come sto, come va, come procede il lavoro e come sta il nipotastro. Quella che mi chiama “scema di guerra” e poi con dolcezza mi chiede quando vado a trovarla perché le manco).
Non voglio che Astrino sia visto come una cosa in più nella mia vita. Astrino fa parte della mia vita e finché sarà possibile farò in modo che i miei progetti e impegni ruotino intorno a lui e ai suoi bisogni.

Astrino è parte della mia famiglia, mio padre se lo coccola come un nipotino e non potete capire la gioia che provo quando gli occhi verdi di un omone rude e grosso diventano bagnati appena vede quel cucciolo d’uomo.

Ho una famiglia stra-allargata e a noi piace così! Mi piace viverla con tutto l’amore che abbiamo in corpo.

Rispondi